Andrea Fantinato

Andrea Fantinato, veneto d’origine, vivo e lavoro a Milano. Con gli studi a
Venezia è iniziato il mio viaggio nel mondo dell’architettura, degli interni e
del design.
Inizio la mia esperienza di interior designer lavorando presso uno
showroom noto nel mio territorio, Bergamin Arredamenti, dal 2003 al 2006:
mi occupavo della relazione con i clienti, del coordinamento delle squadre di
artigiani e professionisti che realizzavano gli ambienti e gestivo
l’esposizione del negozio con responsabilità sulla scelta dei prodotti e della
progettazione degli ambienti espositivi.
Muovo i primi passi come designer iniziando a disegnare oggetti fin dal
2003 entrando a far parte del gruppo Tabula Rasa Design costituito da
artisti, designers, architetti, con cui ho iniziato ad esporre le mie prime creazioni nella forma di prototipi.
Da allora concepisco il mio lavoro come una ricerca continua che si
alimenta della storia dell’architettura e dei grandi maestri del design, degli
stimoli che cogliamo nello scenario mutante che ci circonda e dello studio
della materia nelle sue diverse forme e manipolazioni in un continuo dialogo
tra passato e presente.
Dal 2006 è iniziata la mia attività di interior designer freelance: ho
collaborato con diversi studi di Architettura e di Design prima in Veneto e
poi a Milano per la progettazione d’interni di spazi commerciali, aree di
esposizione, stand fieristici e interni di locali.
In parallelo con il design e l’architettura d’interni ho approfondito
l’interesse e lo studio per la fotografia dedicandomi dapprima ai reportage di
viaggio e, in seguito, allo still life e a servizi fotografici di Architettura e di
Interni. Il mio ultimo lavoro è stato la realizzazione della parte fotografica
del libro Le invarianti nella Tomba Brion di Carlo Scarpa. I testi sono stati
seguiti dall’architetto Franz Falanga, docente presso l’Ateneo veneziano.
Come reportagista invece ho seguito nel 2013 il progetto INFINITALE, nato
dalla collaborazione tra musicisti jazz italiani e finlandesi, che mi ha portato
in Finlandia a documentare l’ideazione e registrazione dei pezzi inediti del
gruppo e l’ influenza della magia della natura nordica immersa in strati di
nevi nel processo di creazione artistica.

Dal 2010 al 2012 sono stato Coordinatore e Responsabile di progetto della
start up ADA nel veneziano, laboratorio- show room che oltre ad ospitare i
più noti marchi del design internazionale dava spazio anche alla
sperimentazione e a giovani designers.
Nel 2012 ho dato vita ad uno studio-laboratorio a Milano che si occupa di
fotografia, design, design autoprodotto, progettazione e realizzazione
d’interni pubblici e privati, che si nutre e si evolve attraverso la ricerca, lo
studio e l’utilizzo di nuovi materiali, le collaborazioni con altri
professionisti. Di questo periodo sono la realizzazione di diversi progetti per
uffici di multinazionali e altre ristrutturazioni prestigiose.

2006 Premiazione Regione Veneto_miglior fotografia Giovane.
2007 Momenti d’Africa_mostra personale presso CIVITAS di Padova, e
altre città italiane.
2008 Selezionato tra i vincitori del concorso MunixWebArt del Decimo
Municipio del Comune di Roma.
2009 Selezionato al concorso fotografico “La Grande Abbuffata, Scarti,
Scorie e Sprechi. Risorse energetiche?”. Palazzo Rosso Genova.
2010 Pubblicazione del lavoro New York sulla rivista Madrugada.
2012 Partecipazione con il progetto Flash Mob, durante il Salone del Mobile
alla mostra curata da Alessandro Mendini.
2013 Pubblicazione come co-autore del Libro Le invarianti nella Tomba
Brion di Carlo Scarpa.
2013/2015 Partecipazione alla Design Week Milanese e ad altre esposizioni
Nazionali e Internazionali.

Formazione

Accademia delle Belle arti di Venezia
Nuove tecnologie delle arti_arti visive
2011 – 2012 anno in corso

Workshop di Street Photography
2000 – 2005 Con la docenza del fotografo ed operatore cinematografico Carlo Bragagnolo.

Istituto Callegari Interior design
Interior Designer, Architettura
2002 – 2004

Istituto Tecnico Einaudi Geometri
2001